Perché stampare album oggi?

Perché stampare album oggi?

Perché stampare album oggi?

Domenica 1 Marzo  durante la Convention 2015 di ANFM di Bologna il giornalista Michele Smargiassi ha posto questo quesito.

A rispondere alla domanda “perché stampare album oggi” oltre a me erano stati chiamati altri 4 stimati colleghi Alessandro Ambrosetti, Lisa Pacor, Beatrice Moricci e Rino Cordella in rappresentanza di tutta l’Associazione Nazionale Fotografi Matrimonialisti. La domanda ha fatto nascere un dibattito tra noi, e sin da subito ci siamo trovati concordi su un concetto, “stampare le foto è ancora oggi importante” , e ha ancora un senso.

Abbiamo poi risposto con uno slogan (i tempi giornalistici non ci permettevano di più), ma adesso sul blog posso permettermi di argomentare un po’ su questa domanda che ha portato noi colleghi a un interessante confronto. Oggi sempre più clienti danno un importanza basilare ai file, e spesso richiedono solo la consegna delle foto su una chiave Usb o su un disco. Questo perchè si pensa all’immediato, all’oggi.  Io ricordo bene i floppy disk, e ancor meglio le cassette musicali, ne conservo ancora molti, ma tutti questi oggetti oggi diventano sempre più “illegibili” e lo saranno sempre meno. Perché? Perché i lettori che li leggono stanno scomparendo, e il supporto è stato abbandonato e sostituito da qualcosa di più nuovo e capiente, un po come i VHS  che hanno ceduto il passo prima al DVD e ora al blu-ray  supporti che con il passare degli anni diventano oggetti che non contengono nulla. Scatole vuote. Esatto. Scatole Vuote.

Il fenomeno ha anche un nome ben preciso obsolescenza digitale, quando l’ho citata con il suo termine tecnico i colleghi mi hanno guardato male ma sapevano benissimo di cosa stavo parlando.

Un album fotografico è una cassaforte di ricordi, se al presente può sembrare solo una raccolta di foto, negli anni diventa custode di ricordi, una vera e propria macchina del tempo, capace di portarti nel passato, farti rivivere emozioni, donarti una risata o una lacrima. Si è vero siamo sempre più interconnessi, mettiamo i nostri ricordi sui social e dentro dischi sempre più grossi e capienti, ma resta il fatto che tutto legato alla popolarità del supporto, ad una lettore, a un filo flebile. L’album è analogico, è un libro, si impolvera, ha un ingombro, pesa, ma di certo è li, ed è per sempre tuo, non ha bisogno di una batteria ne di un lettore, basta poco per sfogliarlo, e sopratutto un libro resiste più di qualsiasi altro supporto inventato sino a oggi da noi uomini.

Nicasio Ciaccio

PS Se non hai stampato le tue foto più care, non perdere tempo fallo oggi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Nicasio Ciaccio

Nicasio Ciaccio Fotografo di Matrimonio

Lascia un commento

Close Menu