Sander e Somoroff

Pubblicato il Pubblicato in Fotografia e pensieri

Sander e Somoroff

Da ieri a Milano si è aperta una mostra su August Sander. Un fotografo Tedesco che condusse tra gli anni 20 e 30 del 900 un famoso progetto fotografico. Sander voleva creare un catalogo di ritratti del popolo tedesco, ritratti di uomini d’affari, contadini, soldati, studenti. Immagini acritiche che descrivessero un popolo, nella sua interezza in maniera scientifica. Ma la mostra esposta al palazzo delle Stelline a mio parere svela e mette in risalto una debolezza del progetto “ritratti del XX secolo”. Sander se pur dichiarava di non voler criticare ne descrivere i suoi soggetti ma solo ritrarli a scopo documentaristico in maniera analitica  finì per adattare il suo stile a seconda del rango sociale della persona che ritraeva. Gli uomini d’affari e gli esponenti della nobiltà vengono  rappresentati su sfondo bianco in pose classiche in ambienti chiusi senza scenografia, mentre gli esponenti delle classi meno abbienti sono ritratti in esterno o in un ambiente che descrive e racconta il loro stato sociale e il loro lavoro. La parzialità del lavoro di Sander è messa in evidenza dal lavoro del fotografo Somoroff che con l’aiuto del foto-ritocco cancella i soggetti dalle foto di Sander mettendo in risalto lo sfondo. Consiglio a tutti una visita alla interessante mostra.

 

La mostra August Sander e Michael Somoroff Absence of Subject Fondazione Stelline di Milano fino al 7 aprile.

 

Sanders e Somoroff Sanders e Somoroff

 

Rispondi